Cosa vi ho nascosto:

VAZ 2102 Zhiguli

Dal punto di vista formale, la VAZ-2102 Zhiguli – prodotta a Togliattigrad dalla fabbrica VAZ – è stata una copia ufficiale della Fiat 124 Familiare. Dal punto di vista sostanziale, invece, è una versione a cinque porte della VAZ-2101, quindi del primo modello di quella fabbrica gigantesca costruita grazie al supporto tecnico della FIAT alla fine degli anni ’60. Entrambi i modelli della VAZ appena menzionati sono stati progettati partendo dalle rispettive versioni della Fiat 124, ma si differenziano da essa per una molteplicità di scelte tecniche. Scelte dettate dalla necessità di adattare il modello alle condizioni stradali e climatiche sovietiche. Mi è già capitato di scriverne nell’articolo dedicato alla VAZ-2101, quindi questa volta mi concentro sulle particolarità della versione a cinque porte: la VAZ-2102, appunto.
La VAZ-2102 è stata il secondo, nell’ordine cronologico, modello della VAZ da poco fondata ed è stata prodotta dal 1971 al 1986. Per quasi due anni, dal 1984 al 1986, è stata prodotta in contemporanea con un altro modello a cinque porte: la VAZ-2104. Dal punto di vista estetico, la parte anteriore della VAZ-2102 era identica a quella della versione a quattro porte (la VAZ-2101) e aveva le stesse differenze rispetto al «prototipo» italiano: per esempio, aveva gli specchietti laterali (fino al 1974 erano rotondi e posizionati agli estremi della linea base del parabrezza, poi rettangolari e posizionati sulle portiere). Il coefficiente di resistenza aerodinamica di questa auto quasi parallelepipeda era di 0,53.

La parte posteriore si differenziava da quella della versione a quattro porte per la posizione verticale – anziché orizzontale – delle luci: oltre, naturalmente, alla grande portiera del bagagliaio. L’angolo di inclinazione di quella portiera era di 125°, nella sua maniglia era incorporata la luce per l’illuminazione della targa. Il tergicristallo posteriore veniva installato solo sulle vetture destinate alla esportazione verso l’Europa. La portiera del bagagliaio aperta rimaneva nella posizione orizzontale grazie a un sistema di torsioni nascosto nel tetto (invece dei poco durevoli pistoni). Allo stesso tempo, proprio la parte posteriore di questa auto era anche il punto più critico della carrozzeria. Infatti, presentava il tipico difetto di tutte le «monovolume» dell’epoca: un livello bassissimo di ermeticità. In particolare, tale difetto si manifestava attraverso un sensibile odore di benzina nell’abitacolo e della entrata delle polveri nell’abitacolo.

La facilità di carico dei beni da trasportare era garantita dal fondo piatto del bagagliaio e dalla totale assenza del bordo inferiore sulla linea di contatto della portiera posteriore con il resto della carrozzeria. Secondo la documentazione tecnica, la VAZ-2102 era in grado di trasportare fino ai 430 kg di carico: in particolare, 2 persone + 250 kg, oppure 5 persone + 60 kg. Ma sulla pratica in pochi rispettavano tali limiti: il mercato automobilistico sovietico offriva pochissime macchine voluminose, mentre la gente ne aveva spesso bisogno per trasportare tanti oggetti da/verso le dacie estive o la frutta dai propri giardini verso le abitazioni cittadine o il mercato (per chi trovava il modo di vendere legalmente). Le uniche due alternative alla VAZ-2102, dal punto di vista della capienza, erano all’epoca la Moskvich-427 e la Izh-2125. La capacità di carico di questi ultimi non era però radicalmente diversa da quella della VAZ-2102, quindi le auto venivano spesso sovracaricate.

Lo schienale del sedile posteriore della VAZ-2102 non era sdoppiabile, ma, comunque, poteva essere abbassato completamente per aumentare la capacità di carico della macchina. Con lo schienale posteriore abbassato il volume dello spazio per i bagagli diventava 1,47×1,32×0,73 metri (1345 litri a causa della portiera inclinata).

Le dimensioni della VAZ-2102 erano: lunghezza 4059 mm, larghezza 1611 mm, altezza 1400 mm. L’altezza del fondo dal suolo era di 175 mm (una delle prime modifiche al progetto originale della FIAT è stata proprio questa: l’aumento della capacità di percorrere le strade non particolarmente piatte). Il passo era di 2424 mm. La carreggiata posteriore era di 1305 mm, quella anteriore di 1349 mm. La massa della macchina era di 1010 kg.

I dischi delle ruote della VAZ-2102 erano da 13«. Le gomme raccomandate sarebbero quelle da 155R13, ma sono ammissibili anche dei parametri alternativi: 175/70R13, 175/65R13 e 185/55R13. La ruota di scorta si posizionava, come da tradizione per quella epoca, in un apposito vano sotto il «pavimento» del bagagliaio (dove rimaneva pure dello spazio per il cric e alcuni altri attrezzi potenzialmente utili durante il viaggio). Per non tenere la ruota di scorta in una posizione verticale (come sulla VAZ-2101) e non rubare quindi dello spazio utile al bagagliaio, si era dovuto fare una modifica sostanziale alla forma del serbatoio.

Per quanto riguarda il motore, in varie epoche sulla VAZ-2102 venivano installati i motori da 1198, 1300 e 1500 cm3. Il motore da 1500 cm3 (e 71 CV) veniva installato solo sulle vetture destinate all’esportazione in Europa e in questa sede non verrà preso in considerazione. Preferisco concentrarmi sui primi due: erano numericamente più diffusi e hanno avuto una vita più lunga «grazie» a un ricambio molto lento della flotta automobilistica sovietica.

  1198 cm3 1300 cm3
Cilindri 4 in linea
Diametro cilindri 76 mm 79 mm
Valvole per ogni cilindro 2 2
Potenza 64/5600 70/5600
Coppia 89/3400 96/3400
Trazione anteriore anteriore
Marce del cambio 4 4
Serbatoio 45 litri 45 litri
Velocità massima 137 km/h 145 km/h
Accelerazione fino a 100 km/h 23 secondi 20 secondi
Consumi per 100 km    
     urbano 10,8 12
     exraurbano 8 8,2


Il pannello degli strumenti, così come il posto del guidatore e tutta la parte anteriore dell’abitacolo in generale, della VAZ-2102 era identico a quello della VAZ-2101.

Come ho già scritto all’inizio, la VAZ-2102 è stata prodotta dal 1971 al 1986: la produzione era partita un anno più tardi rispetto alla versione a quattro porte (VAZ-2101) e terminata quasi due anni prima. In totale, durante i 15 anni di storia sono state prodotti 666.989 esemplari della VAZ-2102 (ma nel 1986 ne hanno fatte solo 156). Questo non significa però che l’auto sia stata particolarmente diffusa tra la popolazione. Da un lato, per un cittadino comune (ma tanto fortunato da avere trovato la somma gigantesca necessaria per l’acquisto) era molto difficile registrarsi nella apposita lista d’attesa per una VAZ-2102. Dall’altro lato, anche negli anni migliori della VAZ (quasi tutti gli anni ’70, quindi il periodo in cui la qualità dell’assemblaggio non aveva ancora iniziato a precipitare) il modello 2102 non ispirava molta fiducia a causa delle sue caratteristiche tecniche. Infatti, per una auto destinata al trasporto di grandi carichi la VAZ-2102 aveva un motore troppo poco potente e la capacità di carico non eccezionale. Di conseguenza, le due alternative già indicate precedentemente erano decisamente più stimate e cercate, pur essendo state prodotte in poche decine di migliaia di esemplari.
Come tutti i modelli «classici» della VAZ progettati tra gli anni ’70 e ’80, la VAZ-2102 è stata molto presente sulle strade delle città russe fino alla metà degli anni 2000. Moltissime di quelle auto negli anni ’90 erano state comprate usate dai loro primi proprietari: privati e non. Ora, all’inizio degli anni ’20 del XXI secolo, una VAZ-2102 si trova quasi per miracolo solo in alcune località di provincia, dai collezionisti o nei box abbandonati e una volta appartenenti alle persone ormai un po’ anziane.
Da altri collezionisti è apprezzato il modellino in scala 1/43, prodotto dal 1975 al 1988:

Ecco, ora avete tutte le informazioni fondamentali sulla VAZ-2102.

I commenti sono chiusi.