Cosa vi ho nascosto:

Sulla Turchia

(18 luglio 2016)

Non avete ancora letto abbastanza del colpo di Stato in Turchia? OK, prometto di non rubarvi troppo tempo.

Del fallito colpo di Stato in Turchia ho capito una cosa: l’esercito è l’unico europeo del Paese. Purtroppo, lo è non solo nei propri valori, ma pure nella capacità di difenderli.

Del fallito colpo di Stato in Turchia non ho capito una cosa: chi è stato a mandare tutto affanculo. La cronologia degli eventi direbbe che è successo attorno alle ore 3:00 locali.

Del fallito colpo di Stato in Turchia posso supporre una cosa: un lavoratore del Cremlino di Mosca ha avuto tanta paura quella notte. E, allo stesso tempo, ha sperato che Erdogan venisse a chiedergli la protezione personale: lo avrebbe fatto strisciare per terra e supplicare in tutte le lingue. Uno scenario più che realistico se ricordiamo come il tentativo di Erdogan di riavviare i rapporti con la Russia (riuscito alla fine di giugno) è stato pubblicamente interpretato dai vertici russi come una presentazione di scuse per l’abbattimento del SU-24.

Ecco, non ho nient’altro (per ora) da dire sulla Turchia: sono troppo scarso a elaborare le teorie del complotto.

Le rubriche: Nel mondo

Tags: ,

Può seguire i commenti a questo post via RSS 2.0.
Per ora ci sono 0 commenti

Commentare