Cosa vi ho nascosto:

Un commune imputato

(4 febbraio 2015)

Pensavo che lo avessero già fatto tempo fa, mentre in realtà è successo solo oggi. La Rada, il Parlamento ucraino, ha privato Viktor Yanukovich del titolo di Presidente. La motivazione: la sua fuga in Russia nel febbraio del 2014 avrebbe potuto mettere a rischio la governabilità dello Stato e ha comportato una massiccia violazione dei diritti dei cittadini. Su 450 parlamentari 281 hanno votato a favore del provvedimento, 1 è stato contrario e 30 si sono astenuti. Il provvedimento è passato alla seconda votazione (mentre alla prima era stato appoggiato da soli 180 parlamentari).

Secondo la Costituzione ucraina, il titolo Presidente viene mantenuto a vita (un po’ come nella tradizione americana), con l’eccezione dei casi in cui il Capo dello Stato ne fosse stato privato con una procedura di impeachment. Yanukovich, dunque, è privato di tutti i previlegi relativi al titolo presidenziale. Potrà quindi essere penalmente perseguito con più facilità per tutti i crimini di cui è accusato.

Umanamente posso capire la rabbia degli ucraini nei confronti dell’ex Presidente, ma non mi piace questa nuova tradizione politica che sta dilagando in tutto il mondo. Non mi piace la tradizione di massacrare giuridicamente ogni politico che lascia il proprio incarico di alto livello (quindi tutti i Capi di Stato, di Governo e di ministeri). Quanti politici seri vorranno dirigere i propri Stati se ormai l’unico riconoscimento possibile è il carcere?

Le rubriche: Nel mondo

Tags: , ,

Può seguire i commenti a questo post via RSS 2.0.
Per ora ci sono 0 commenti

Commentare