Cosa vi ho nascosto:

L’archivio del 8 agosto 2020

La musica del sabato

Il gruppo britannico UFO, nato nel 1969 e cambiato più volte nella sua composizione (l’unico membro costante è il cantante Phil Mogg), durante i decenni della sua attività ha influenzato diversi gruppi del hard rock e del metal. Io, però, l’ho scoperto relativamente tardi (alla fine degli anni ’90), anni dopo alcuni altri gruppi alla qualità dei quali mi ero già abituato. Di conseguenza, ho sempre classificato gli UFO come un gruppo di rango inferiore rispetto, per esempio, ai Scorpions: questi ultimi, secondo me, hanno raggiunto dei risultati decisamente più interessanti nel hard rock. Non so se sia anche il merito di Michael Schenker – fratello più piccolo di Rudolf – che ha suonato prima con gli UFO e poi con i Scorpions.
Ma è comunque importante conoscere le origini della musica amata e ascoltata anche nelle epoche passate della vita (da circa dieci anni i miei interessi sono limitati a alcuni altri generi). Quindi per il post musicale di oggi ho scelto le seguenti due canzoni degli UFO:
La prima è «Doctor Doctor» (dall’album «Phenomenon» del 1974):

E la seconda è «Let It Roll» (dall’album «Force it» del 1975):


Vagare a caso

Quanti dei miei lettori, dopo la quarantena e le difficoltà successive, hanno ancora i soldi e/o i giorni di ferie per viaggiare? Vorrei sperare che la risposta sia «tutti».
Ma per coloro che non dovessero avere tale fortuna, io ho una nuova piccola soluzione tecnologica. Capisco che non può sostituire la vita reale, ma è comunque una forma di divertimento curiosa.
Oggi vi consiglio il progetto Random Street View. In sostanza, all’avvio il sito vi propone un punto del globo casuale visitabile in formato Google Street View. Partendo da quel punto, potete «andare a fare un giro» in una zona che, molto probabilmente, non avete mai visto prima.
Volendo, potete anche chiedere al sito di darvi un altro punto di partenza casuale oppure indicare al sito lo Stato che vi interessa particolarmente.

Mi sembra, in base alla mia esperienza personale, che il sito proponga principalmente delle zone non molto urbanizzate. Beh, è sempre una fonte di serenità!