Cosa vi ho nascosto:

L’archivio del 9 novembre 2022

Potete dormire tranquilli

Mi era già capitato di scrivere della spia russa – arrestata il 25 ottobre in Norvegia – che si fingeva un «ricercatore brasiliano». Ebbene, ieri ho letto dei risultati di una curiosa indagine condotta da The Insider e Bellingcat: in base a essa si tratterrebbe di una ennesima spia russa caratterizzata da un livello altissimo di preparazione, un po’ come quei due «geni» che a marzo del 2018 avevano effettuato l’avvelenamento di Salisbury.
Ecco l’estremo riassunto di quella indagine:

I fatti rivelati dalla biografia della spia hanno dimostrato ancora una volta che l’agenzia russa GRU ha dei problemi seri con la cospirazione. Non ci sono volute molte ricerche per scoprire che il «professore» dell’università norvegese non era il brasiliano José Assis Giammaria, ma Mikhail Mikushin di Ekaterinburg.
Per esempio, ha registrato il proprio account universitario utilizzando le caselle di posta elettronica mail.ru e rambler.ru. E il suo indirizzo e-mail si traduce letteralmente dal portoghese come «Misha l’invasore». In qualità della password il «007» utilizzava il proprio vero cognome.
A 26 anni Mikushin si era trasferito a Mosca, dove aveva vissuto in un dormitorio per gli ufficiali dell’Accademia diplomatica militare GRU e aveva compiuto gli studi di intelligence.
Nel 2011, Mikushin era andato a studiare in una università canadese sotto il falso nome di un cittadino brasiliano, ma aveva continuato a visitare regolarmente la Russia. Nel 2015, per esempio, era tornato per rinnovare la patente di guida.
In Canada, Mikushin ha svolto un lavoro di «ricerca» e ha addirittura fatto delle pubblicazioni su riviste scientifiche. Per esempio, nel 2019 è stato pubblicato un suo articolo sulla necessità di nuove basi militari nell’Artico. Oltre alla attività dello studio, è stato anche impegnato in campagne politiche sui social per il New Democratic Party.
Nel 2021, Mikushin si è recato in Norvegia per studiare, tra le altre cose, le «minacce ibride» presso l’Università di Tromsø. Solo un mese fa ha partecipato a un corso di formazione sulla «guerra ibrida» a Vilnius. Tra gli altri argomenti, durante il corso è stato discusso un argomento di grande attualità: come reagire in caso di sabotaggio del gasdotto Nord Stream.
Mikhail Mikushin è stato arrestato dalle autorità norvegesi il 25 ottobre. La questione della sua espulsione ancora essere risolta. Infatti, la deportazione in Russia è improbabile se Mosca non dovesse riconoscere Mikushin come cittadino russo.