Cosa vi ho nascosto:

L’archivio del 15 novembre 2022

Contare le firme

Bloomberg sottolinea che la bozza del comunicato finale del G20 (quello in corso in Indonesia) contiene un linguaggio di compromesso per garantire che il maggior numero possibile di partecipanti firmi la dichiarazione e che il vertice non diventi il primo in assoluto a concludersi senza un comunicato congiunto.
Noi, invece, abbiamo la possibilità di essere ancora meno diplomatici del Bloomberg e di riconoscere dunque che l’obiettivo massimo sperato (ma pure il risultato massimo raggiungibile) è quello di 19 firme su 20. Di conseguenza, il G20 indonesiano non può non essere privo di un comunicato congiunto, a meno che non si decida di ignorare il fatto della guerra in Ucraina (una opzione che mi sembra poco probabile). Proprio in questo consiste storicità positiva dell’attuale G20 che non andrebbe temuta: nel XXI secolo inoltrato non c’è alcunché di male nel condannare una invasione militare ingiustificata.
Dato che ci è stato negato lo spettacolo di Putin maltrattato da 19 Capi di Stato e di Governo in contemporanea, voglio almeno divertirmi a contare le firme.