Cosa vi ho nascosto:

L’archivio del tag «corea del sud»

Le passeggiate in Sud Corea

Il tipo di nome Nathan (non si sa chi sia e da dove venga) vive in Sud Corea e realizza dei video per il proprio canale SeoulWalker su YouTube. I video — non commentati in alcun modo — mostrano le interessanti passeggiate dell’autore a Seoul e nel resto del Paese. Dal punto di vista tecnico i video sono fatti abbastanza bene, ma l’autore, per qualche motivo incomprensibile, ha disattivato la possibilità di inserirli nelle pagine dei siti terzi. Di conseguenza, sono costretto a lasciarlo fuori dalla mia video-rubrica domenicale e mi limito a una semplice segnalazione culturale: provate a vedere qualcosa se e quando avete tempo e voglia per farlo.

Non si sa quando potremo andare noi in Sud Corea senza troppe rotture…


Un po’ di populismo alimentare

Ho letto solo ieri che in Sud Corea il presidente ha proposto – finalmente? – di valutare l’opportunità di vietare i hot dog locali (ehm, che battuta…).
Di fronte a questa notizia, mi sono improvvisamente accorto di essere assolutamente indifferente, dal punto di vista estetico, al «donatore» della carne che mangio. La maggioranza degli animali vivi mi è simpatica, ma in in qualità del cibo mi piacciono (non sempre, ma di solito) allo stesso modo. L’unico mio desiderio è quello non vedere nemmeno un pezzo del percorso che fanno dalla «stalla» alla cucina.
Però non posso non constatare che in una realtà politica più simile a quella occidentale (non solo dal punto di vista visuale, come, per esempio, l’abbigliamento formale) in questo periodo i sudcoreani avrebbero iniziato da altri rappresentanti della fauna.


Le tifose fedeli

L’8 maggio in Korea del Sud è ripartito il campionato di calcio. Non so quanto sia importante o interessante questo fatto di cronaca per i miei lettori. Il mio interesse personale verso lo sport professionale in generale e il calcio in particolare tende allo zero, quindi mi concentro su un fatto correlato.
La squadra di calcio sudcoreana FC Seoul è stata accusata dell’utilizzo delle «donne» gonfiabili in qualità del pubblico finto allo stadio (l’idea è stata quella di rendere le partite un po’ «vivaci» nelle condizioni del non assembramento). La squadra, da parte sua, sostiene che in qualità del pubblico sarebbero stati utilizzati i manichini.

Dalle foto non si capisce molto — anche perché, fortunatamente, non sono un esperto in materia — ma voterei comunque la prima opzione. Perché una società sportiva, senza rendersene conto, ha fatto ben due scoperte sociologiche: 1) quale categoria di donne è ugualmente (ugualmente fortemente) interessata a entrambe le attività; 2) come dobbiamo vedere le persone che vanno a sprecare la loro unica vita allo stadio (dove, tra l’altro, non si vede quasi nulla).