Cosa vi ho nascosto:

L’archivio del tag «pdf»

Morto l’autore del PDF

Nel mare delle notizie importanti e/o interessanti che ci circondano in questo periodo, ne abbiamo quasi perso una che in qualche modo riguarda la nostra vita quotidiana da molti anni. Tre giorni fa, il 16 aprile, è morto Charles Geschke: uno dei fondatori della Adobe e il creatore dei formati PDF e TIFF.
Il primo formato menzionato è noto a (e spesso è una salvezza per) tutti coloro che lavorano almeno occasionalmente con i documenti digitali. Il secondo formato è ancora oggi apprezzato (anche se, probabilmente, un po’ meno di prima) dai fotografi e grafici per una buona gestione dei colori.
Di conseguenza, mi sembrava particolarmente brutto non ricordare uno dei personaggi più importanti del mondo tecnologico terrestre.

P.S.: probabilmente sono uno dei pochissimi a non temere di ammettere il proprio affezionamento al Dreamweaver. Lo utilizzo serenamente – nelle varie sue versioni – da circa vent’anni e sono molto contento che la Adobe abbia continuato a svilupparlo dopo l’acquisizione della Macromedia del 2005.


PDF online

Nel sempre più lontano 2015 avevo consigliato ai miei lettori l’utilissimo sito smallpdf.com che permette di eseguire tutte le azioni possibili e immaginabili con i file PDF.
Come succede con tantissimi servizi online, però, anche il SmallPDF è stato rovinato dalla avidità dei suoi creatori. Infatti, dopo una serie di restrizioni introdotte all’utilizzo libero negli ultimi tre anni, si è ormai arrivato a una sola operazione gratuita per persona prima del passaggio alla versione a pagamento. Praticamente il nulla per le persone che lavorano regolarmente con i testi.
Non mi dispiace assolutamente di pagare per un servizio utile e di qualità, ma la necessità di eseguire delle operazioni atipiche con i file PDF non è nel mio caso quotidiana. Direi che spesso non è nemmeno di cadenza settimanale. Di conseguenza, ritengo poco opportuno pagare una somma fissa mensile o annua (come propone ora il SmallPDF).
Ma per fortuna c’è il nostro amico Google! Proprio grazie alla sua disponibilità infinita ad aiutare il prossimo sono ora in grado di suggerirvi ben due alternative valide:
1. Il sito pdf.io permette di eseguire tutte le operazioni che un utente medio/avanzato possa necessitare.

2. Il sito ilovepdf.com offre ancora più servizi, alcuni dei quali non avrei potuto nemmeno immaginare (forse per la mia fortuna).

Non sono ancora riuscito a scoprire se questi due siti abbiano dei limiti massimi delle operazioni gratuite. Ma, qualora li avessero, nessuno ci vieterebbe di rispondere con l’utilizzo dei VPN.
In ogni caso, spero tanto che questi due siti evitino la sorte del mio vecchio consiglio per almeno una decina d’anni.
Concludo ricordando a tutti i potenziali interessati della esistenza del bellissimo software del genere installabile sul computer: ABBYY FineReader.


PDF online

Pubblico qui (per condividerlo con voi, ma pure per averlo sotto mano nel momento decisivo) un link molto utile. Ecco a voi gli strumenti gratuiti (e online) per lavorare con i PDF.

Se, invece, vi interessa un programma del genere da installare sul proprio computer, io vi suggerisco l’ABBYY FineReader.