Cosa vi ho nascosto:

L’archivio del tag «sveglia»

La sveglia aumentata

Alcuni giorni fa ho letto di una nuova interessante app gratuita disponibile per iOS e Android. Si chiama Odd Alarm ed è una sveglia che utilizza dei rumori realistici al posto delle solite melodie tipiche alle sveglie da telefono. Infatti, il cervello umano può abituarsi alle melodie, ma difficilmente si abitua ai rumori fastidiosi.

Sono disponibili 20 rumori diversi (solo i primi 3 dei quali sono gratuiti) indubbiamente efficienti, ma quelli migliori stranamente mancano del tutto. Dove sono il trapano, l’aspirapolvere, il tagliaerba e il flauto della bocciata cronica che la mattina della domenica ci fanno ricordare la puttana anonima e tutti i suoi figli la Madonna?

A proposito della Madonna: si potrebbe aggiungere pure le campane delle chiese italiane.
Ma l’app rimane comunque un prodotto interessante e utile.


Le sveglie funzionali (parte 2)

Non tutti se ne rendono conto, ma ogni persona dispone di una sveglia naturale molto efficiente che può essere molto utile nelle situazioni eccezionali.
Se dovete, per esempio, necessariamente svegliarvi molto presto la mattina di domani (che ne so, per prendere un volo delle 5:37) e non vi fidate tanto del vostro sistema delle sveglie, fate una cosa semplicissima.
Prima di andare a dormire bevete un litro d’acqua. In tal modo il risveglio è garantito al primo suono della sveglia.
Questa sveglia naturale non fa male alla salute, ma va usata con moderazione per non creare delle pericolose abitudini.


Le sveglie funzionali

Tanti anni fa, quando ero più giovane, meno stupido, ma pigro come oggi, avevo inventato un trucco per costringere me stesso a obbedire al suono della sveglia. In sostanza, prendevo tre o quattro sveglie, le puntavo tutte alla stessa ora e le mettevo negli angoli diversi della stanza. La mattina seguente, essendo costretto a correre per tutta la stanza a spegnere le sveglie, mi svegliavo per forza.
Poco più di due anni fa al mio magico sistema si è aggiunto il mio primo smartphone: esso permette di impostare una infinità di sveglie in sequenza. Finendo presto vicino al letto, fa però sorgere il dubbio: perché dovrei svegliarmi presto?
Sarebbe dunque utile aggiungere alla sveglia dello smartphone la funzionalità del registratore vocale. Infatti, di mattina sarebbe efficiente sentire la propria voce gridare «Gufo! Svegliati che oggi ti devi vedere con un cliente!» Molto più efficiente di qualsiasi suono elettronico semplicemente fastidioso.