Cosa vi ho nascosto:

§ 19. Pubblicare correttamente i contatti sui siti

Sul 99% dei siti web personali e aziendali vengono pubblicati i contatti dei proprietari o amministratori. L’esperienza pluridecennale nella navigazione su internet ha però permesso al sottoscritto di constatare un triste fatto: una notevole parte dei web-masters non sa pubblicare i contatti in modo corretto.
Certo, comprendo che si tratta di un aspetto tecnologicamente banalissimo. Ma, data la ricorrenza del problema, bisogna parlarne.
Nel presente paragrafo facciamo un tentativo di formulare alcuni principi fondamentali in materia. Essi, logicamente, si dividono in due tipologie: tipografici e funzionali. Per rendere l’esposizione più organizzata, sarebbe più opportuno trattare quei principi per ogni tipo di contatto.

1. I numeri di telefono
I numeri di telefono pubblicati sul sito devono essere a) leggibili e b) cliccabili. La leggibilità dei numeri è tuttora importante perché non possiamo mai immaginare la situazione in cui si trova il nostro visitatore. Potrebbe avere la necessità di leggere il numero per poi dettarlo alla nonna che chiama dall’altra parte del mondo. Oppure leggerlo dallo schermo del computer per inserirlo manualmente nella memoria del telefono. In tal senso la tradizione tipicamente italiana di scrivere il numero di telefono in una sequenza di cifre continua è da considerare sbagliata: essa complica la vita dell’utente, costringendolo a uno sforzo inutile.
Provate a essere obiettivi e dire qual è il formato meglio leggibile:
+393337198198
+39 333 7 198 198
+39.333.7.198.198
(+39) 3337198198
La prima e la quarta versione corrispondono alla tradizione tipografica italiana, mentre la più leggibile è – secondo me – la seconda. La persona che legge non deve cercare disperatamente il punto dove si è fermata a leggere, temendo di avere saltato o ripetuto qualche cifra.
La cliccabilità dei numeri di telefono è altrettanto importante. Tantissime persone, almeno la metà, visiteranno il vostro sito da un dispositivo mobile: devono avere la possibilità di chiamare il numero indicato con meno sforzi fisici e mentali possibile.
Se siamo proprio pigri e ci fidiamo della qualità dei sistemi operativi installati sui telefoni, potremmo anche pubblicare i numeri come dei semplici testi:

+393337198198<br />
+39 333 7 198 198<br />
+39 333.7.198.198<br />
(+39) 3337198198

Ma in tal caso, per esempio, l’iPhone vedrà il terzo modo di scrive il numero come un testo semplice e non come numero cliccabile. Le altre tre opzioni, invece, diventano automaticamente dei link: in appena due «tap» si chiama il numero scelto.

Ma oltre all’iOS esistono tante versioni di Android e altri sistemi operativi. Non si può affidarsi al caso, bisogna rendere il numero cliccabile indipendentemente dal modo in cui viene visualizzato al visitatore. Quindi ci serviamo delle possibilità tecniche offerteci dal HTML5.
La sintassi è estremamente semplice:

<a href="tel:+393337198198">+39 333 7 198 198</a>

Esatto, è come un link con il protocollo «mailto:» che conoscete da anni. Non dimenticatevi di indicare anche il prefisso nazionale (sia nel tag del link che nel numero visibile sulla pagina) perché il visitatore può collegarsi al sito da qualsiasi punto del globo. Il telefono dopo il click sul numero chiederà solo di confermare l’intenzione di contattare il numero indicato.

Questo tipo di link funzionerà anche sui computer con lo Skype installato. Anche per questo è importante rendere intenzionalmente – con il codice – il numero sempre cliccabile.
Inoltre, per offrire il quadro completo della situazione, dovrei aggiungere che il link del numero di telefono può essere realizzato anche in altri modi. Ma non consiglio di utilizzarli in quanto essi sono interpretati correttamente solo da alcuni browser.

<a href="callto:393337198198">funziona su iPhone e Nokia</a>
<a href="wtai://wp/mc;393337198198">funziona su Android</a>
<a href="wtai://wp/mc;+393337198198">formato internazionale per Android</a>

È decisamente meglio utilizzare il protocollo universale tel: con il quale abbiamo iniziato: funzionerà da tutti i dispositivi. Ma se qualcuno avesse la strana e inspiegabile necessità di fare una distinzione tra i vari dispositivi mobili, si potrebbe utilizzare questo script in JavaScript:

<div id="header-phone"></div> 
 
<script>
if( /Android|webOS|iPhone|iPad|iPod|BlackBerry|IEMobile|Opera Mini/i.test(navigator.userAgent) ) {
  document.getElementById("header-phone").innerHTML = '<span><a href="tel:+ 380985554433 ">(098) 555-44-33</a></span>';
 } else {
  document.getElementById("header-phone").innerHTML = '<span>(098) 555-44-33</span> ';
}
</script>

La rappresentazione grafica dei numeri di telefono è invece una questione abbastanza banale. In CSS potremmo utilizzare una classe:

a.phone-style {
  color: #3e3a37;
  text-decoration: none;
}

Oppure applicare lo stesso stile selezionando i numeri di telefono cliccabili in questo modo:

a[href^="tel:"] {
  color: #3e3a37;
  text-decoration: none;
}

Con l’aiuto della pseudo classe before e dei simboli in unicode possiamo anche aggiungere l’icona di un apparecchio telefonico prima del numero:

a[href^="tel:"]:before {
  content: "\260e";
  margin-right: 0.5em;
}

Il risultato sarà +39 333 7 198 198.
Ora che sapete pubblicare i numeri di telefono in modo corretto, possiamo passare ai tipi di contatto meno sfortunati ma altrettanto importanti.
(La pubblicazione dei numeri di telefono sui siti che utilizzano il XSLT sarà trattata in un paragrafo a parte.)

2. La posta elettronica
Sorprendo tutti e ribadisco il concetto: anche l’indirizzo di posta elettronica pubblicato sul sito deve essere leggibile e cliccabile.
La leggibilità è data dal formato tradizionale dell’indirizzo: nome@sito.it
È giusto scrivere eugi@eugigufo.net
È sbagliato scrivere eugi [at] eugigufo.net, eugi (a) eugigufo.net e in tutte le altre forme fantasiose.
Non dovete temere di pubblicare l’indirizzo perché la protezione dallo spam è una delle mansioni per le quali il vostro sistemista prende lo stipendio. Se, invece, siete un privato, dovreste comunque essere in grado di impostare i doverosi filtri nella casella postale. In ogni caso, non è il compito del visitatore desideroso di contattarvi correggere manualmente il vostro indirizzo. Quest’ultimo deve essere pronto all’uso da subito.
La cliccabilità di un indirizzo e-mail può essere realizzata in almeno due modi ugualmente corretti. Il primo, tradizionale, prevede l’utilizzo del protocollo mailto: nel link. Lo conoscono tutti:

<a href="mailto:eugi@eugigufo.net.net">eugi@eugigufo.net.net</a>

In tal modo viene richiamato il programma client di posta elettronica preferito dall’utente. Non tutti i programmatori si ricordano, però, che è possibile far precompilare anche il soggetto della mail. Eppure è sufficiente aggiungere ?subject=soggetto dopo l’indirizzo:

<a href="mailto:eugi@eugigufo.net.net?subject=Paragrafo 19 di Inerario">eugi@eugigufo.net.net</a>

Il secondo modo valido di linkare l’indirizzo di posta elettronica consiste nel reindirizzare il cliente a una form dedicata (come lo faccio io su questo sito). Ricordiamoci, infatti, che molte persone preferiscono utilizzare la webmail e si infastidiscono per l’apertura dei programmi indesiderati. Inoltre, qualcuno potrebbe decidere di scrivervi da un dispositivo non proprio.

<a href="http://www.eugigufo.net/it/email/">eugi@eugigufo.net.net</a>

La buona regola comune ai due modi consiste nel rendere visibile, almeno da qualche parte, l’indirizzo al quale si propone di scrivere. Il visitatore deve avere la possibilità di salvare il contatto per utilizzarlo nel momento in cui gli è più comodo farlo. Vale anche per il numero di telefono.

3. Il contatto Skype
Non ho mai visto un contatto Skype scritto in una maniera illeggibile, quindi mi limito a sottolineare che è molto facile renderlo cliccabile:

<a href="skype:eugi.gufo">eugi.gufo</a>

Fatelo per la comodità dei visitatori.
Inoltre, la funzionalità del link può essere perfezionata con il parametro dell’azione desiderata. La sintassi diventa così:

<a href="skype:eugi.gufo?azione”>eugi.gufo</a>

Mentre i nomi delle azioni che è possibile aggiungere sono:
userinfo – la visualizzazione del profilo
add – l’aggiunta ai contatti
call – chiamata
chat – l’invio di un messaggio in chat
voicemail – l’invio di un messaggio vocale.
Bene, questi sono i tre tipi di contatti che tutti pubblicano sui propri siti. In tantissimi lo fanno sbagliando qualcosa. Non so quanto sia opportuno trattare i vari, numerosissimi, messenger: forse un giorno lo farò.
In ogni caso, spero di riuscire nella missione difficile di migliorare la comunicabilità nel mondo.

I commenti sono chiusi.